Progetto ampliamento Comunità Alloggio

[Progetto completato]

Il progetto di ampliamento della comunità alloggio di Pescantina nasce da tre necessità:

  • Aumentare la ricettività della comunità alloggio in relazione alle esigenze del territorio ed in particolare del distretto numero 1 dell'Azienda Sanitaria Locale U.L.S.S. 22, con riferimento ai parametri regionali ed alle necessità territoriali espresse con la programmazione locale piano per la disabilità U.L.S.S. 22 2007-2009. In particolare lo stesso Comune di Pescantina nel prossimo futuro vedrà aumentare le richieste di comunità alloggio in relazione, all'aumento demografico e all'invecchiamento dei familiari degli utenti attualmente inseriti in centri diurni. Il progetto prevede la realizzazione di due nuclei di comunità uno di otto posti, un secondo di quattro posti, oltre a due posti dedicati alle pronte accoglienze o alle accoglienze programmate. La ricettività della struttura passerà così da nove a quattordici posti. I nuclei avranno ingressi separati e due zone giorno distinte. La cucina sarà comune, ma è comunque previsto un angolo cottura per il nucleo di quattro utenti. Dal punto di vista socio-sanitario l'intervento di ampliamento prevede la riorganizzazione della struttura per ottenere appunto due nuclei di utenti con caratteristiche diverse, per livelli di autonomia e cognitivo-relazionali. Nella parte "vecchia" della comunità, nucleo di otto posti, troverà spazio un'utenza più grave con problemi motori e deficit cognitivi elevati e quindi con limitate autonomie; nella parte "nuova", nella sostanza l'ampliamento con il nucleo di quattro utenti, troveranno risposta educative-assistenziali persone con disabilità cognitiva meno grave, con buona mobilità, e con buoni livelli di autonomia, per i quali siano anche ipotizzabili percorsi di inserimento in appartamenti protetti; i due posti di pronta accoglienza sono invece aperti ad una utenza più ampia, comunque persone disabili sotto i 65 anni.
  • Adeguamento della struttura agli standard regionali della Regione Veneto L.R. 22/02 eliminando le stanze da tre persone; ricavando due stanze dedicate alle pronte accoglienze; adeguando alla norma l'accesso al piano interrato con la realizzazione di un apposito scivolo esterno.
  • Realizzare miglioramenti strutturali per rendere l'ambiente adatto alle attuali esigenze organizzative e lavorative, migliorando il confort dell'utenza. A tale scopo, al piano della comunità alloggio si ricaverà una sala operatori più ampia e funzionale, un ufficio per le funzioni educative e di coordinamento che attualmente si trova al piano del centro diurno "Filo Continuo" di Pescantina risultando poco funzionale; ancora una stanza per il servizio di lavanderia sempre al piano evitando spostamenti agli operatori garantendo così una migliore sorveglianza dell'utenza, da ultimo un ampio ripostiglio e un bagno operatori al piano. Inoltre la struttura come da progetto risulterà migliorata anche per il servizio del centro diurno e per i servizi amministrativi; questi ultimi verranno portati all'esterno del centro diurno che guadagnerà quindi dello spazio per le attività educative-occupazionali. Inoltre il magazzino realizzato al piano interrato darà modo di migliorare la funzionalità della dispensa e del magazzino materiali di consumo.