Disabilità e tempo libero

All'interno del piano di zona e il piano locale per la disabilità per il triennio 2007/2009, i comuni e l'Azienda U.L.S.S. 22 hanno condiviso una programmazione ed assunto impegni reciproci con i diversi attori presenti nel territorio assumendo un ruolo di regia, coordinamento, supporto e stimolo per l'attuazione dei vari interventi dei sevizi alla persona con disabilità. A tale scopo, sono state coinvolte le organizzazioni di volontariato, sia quelle regolarmente iscritte all'albo, che quelle non iscritte ma operanti in modo significativo nel territorio.

Grazie al bando di finanziamento del comitato di gestione fondo speciale per il volontariato che per l'anno 2008 ha identificato come tema la disabilità, è stato presentato il progetto "tempo libero". L'idea principale del progetto era quella di fornire l'occasione a giovani con disabilità mentale di conoscersi, fare gruppo e passare il tempo libero insieme.

Il gruppo-amici, oltre a ricreare un contesto di integrazione sociale, permette ai componenti di sostenersi a vicenda, di interagire aiutandosi, condividendo idee ed esperienze. 

La conoscenza di un nutrito gruppo di coetanei con caratteristiche simili alle proprie ha permesso di attivare e consolidare relazioni amicali ed affettive andando anche al di là degli incontri strutturati, e si è tradotta in incontri spontanei in luoghi pubblici, inviti reciproci nelle rispettive abitazioni, creazione di una rete informale di relazioni.

Iniziativa finanziata dal Comitato di Gestione del Volontariato del Veneto.